Calcio: il Livorno si è recato in treno a Francavilla Foscarini, per la prima partita degli ottavi playoff, si affida al ‘solito’ 4-3-1-2.

Calcio: il Livorno si è recato in treno a Francavilla Foscarini, per la prima partita degli ottavi playoff, si affida al ‘solito’ 4-3-1-2.
Il Livorno è giunto, in treno, in questo venerdì, in Puglia, pronto per disputare, domenica alle 17,30, la partita di andata degli ottavi di finale dei playoff promozione sul campo ‘Giovanni Paolo II’, contro i locali della Virtus Francavilla. Per motivi organizzativi, è stato impossibile allestire un volo charter. E così, pullman fino a Firenze, poi prima tratta, in treno, per Roma, cambio alla Stazione Termini e Freccia Rossa fino a Bari. Infine, da Bari fino al luogo del ritiro, tutti sul pullman. Servirà, contro la matricola terribile Francavilla, su un terreno di gioco dalle dimensioni ridottissime, caratterizzato da un fondo in sintetico malridotto, indegno per una gara di professionisti, una prova ricca d’orgoglio. Il Livorno – che sarà privo di Benassi e che salvo improbabili colpi di scena farà a meno di Gasbarro – dovrà lottare su ogni pallone. Sarebbe d’oro, in vista del match di ritorno (al ‘Picchi’ mercoledì 24, ore 20,30) anche solo un pareggio. Gli amaranto, in virtù del miglior piazzamento ottenuto, rispetto ai pugliesi, nel corso della regular season, passano il turno anche se segnano, nell’arco dei 180′ del doppio confronto, lo stesso bottino di reti degli avversari. Anche a Francavilla, Foscarini si affiderà al 4-3-1-2. Dubbio, a centrocampo, tra Giandonato e Marchi. FABIO GIORGI