Buoni spesa da 300 euro per famiglie in difficoltà

Buoni spesa da 300 euro per famiglie in difficoltà
Deciso come distribuire quanto destinato dal Governo per i contributi di solidarietà alimentare in emergenza Covid. Ecco chi potrà AGENDA E APPUNTAMENTI A LIVORNObeneficiarne
Il premier Giuseppe Conte, sabato scorso, ha dato notizia che ai Comuni viene assegnato un fondo di solidarietà alimentare. Ovvero 400 milioni che gli enti locali devono gestire autonomamente per dare assistenza nell’acquisto di generi alimentari a chi si trova in condizioni di difficoltà generata e dovuta all’emergenza coronavirus.
Luca Salvetti dopo la seduta di Giunta avvenuta oggi: “A Livorno stati destinati 833 mila euro, che verranno assegnati con una tantum da 300 euro per nucleo familiare”.
“Appena uscita la notizia – ha riferito il sindaco – sono stati centinaia e centinaia i messaggi che abbiamo ricevuto per avere indicazioni su come accedere al contributo. L’invito è a non intasare le nostre linee di comunicazione, perché a breve usciremo con tutte le indicazioni del caso”.
Salvetti precisa che il Governo nazionale ha dato libertà ai Comuni di organizzarsi. “L’Anci regionale però, anche su indicazione mia e di altri sindaci, ha pensato di darsi un quadro generale univoco sui criteri di assegnazione, quadro che sarà pronto nelle prossime 24 ore e che divulgheremo nella maniera più capillare e precisa possibile”.
Intanto, ecco le linee pensate per l’assegnazione del contributo di solidarietà alimentare (e che saranno oggetto di uno specifico disciplinare).
Chi potrà accedere al contributo?
“Alla base del provvedimento ci sarà il criterio che non potrà accedere all’una tantum chi ha mantenuto il proprio reddito derivante da lavoro o pensione, e chi percepisce già il reddito di cittadinanza.
Potranno invece avere il contributo di solidarietà alimentare tutti quelli che sono entrati nello stato di bisogno a causa della perdita del proprio reddito in coincidenza con l’emergenza coronavirus, e potranno spenderlo per spese necessarie. Uffici del Sociale e Ragioneria hanno già fatto un lavoro di analisi su 70mila nuclei familiari”.
Come sarà articolato il contributo nel Comune di Livorno?
“I 300 euro saranno suddivisi in 6 buoni spesa da 50 euro l’uno”.
Come averlo?
“Stiamo optando per la presentazione di un’ autocertificazione nella quale si attesti la condizione di difficoltà, la perdita del reddito durante l’emergenza coronavirus in atto e dove si indica come è composto il nucleo familiare”.
“Naturalmente – evidenzia il primo cittadino – verranno fatti dei controlli serrati e sono previste sanzioni molto severe, secondo gli articoli specifici del codice penale, per chi farà dichiarazioni mendaci. I nostri uffici lavoreranno per il riscontro puntuale delle autocertificazioni”.
In questa fase gli uffici comunali stanno approntando il sistema di distribuzione e consegna dei buoni spesa, che verranno stampati a breve. Partirà nel contempo una call generale per gli esercizi commerciali disposti ad aderire e accettare i buoni spesa.
“Non appena definito il tutto – assicura il sindaco – ci sarà una massiccia comunicazione attraverso i nostri canali e gli organi di informazione. ”

Livorno, articolo pubblicato il 30 Marzo 2020

il Gazzettino di Livorno Immobiliare

RIPRODUZIONE RISERVATA il Gazzettino di Livorno
leggi e diffondi #ilgazzettinodilivorno.com il Gazzettino di Livorno punto com
Quotidiano indipendente












Contatore utenti connessi