Pisa-Livorno: che derby è senza coreografie e senza il vero tifo?


Pisa-Livorno: che derby è senza coreografie e senza il vero tifo?

Pisa-Livorno: che derby è senza coreografie e senza il vero tifo? La vicenda dei limiti dell’agibilità dello stadio ‘Arena Garibaldi’ doveva essere risolta in ben altro modo… Amaranto con il classico 4-2-3-1.

Un derby senza tifosi non è un vero derby: è un derby annacquato. Per i ben noti motivi legati ai limiti dell’agibilità dello stadio ‘Arena Garibaldi’ (che, viste le recenti norme ‘anti-sismiche’ è meno sicuro rispetto al ‘Picchi’: è tutto dire…), i rappresentanti del tifo più acceso del Pisa e del Livorno hanno deciso di ‘snobbare’ la sfida e di non presentarsi sugli spalti. L’incontro più atteso dell’anno vivrà una coreografia povera. E’ davvero un peccato: l’ennesimo segnale di un calcio italiano sempre più in crisi. La questione doveva essere risolta in altra maniera. Invece i tanti appassionati si limiteranno ad assistere alla gara in tv (diretta su Rai3, almeno nel territorio toscano). Come sanno gli sportivi, un conto è vivere una partita sul divano di casa e un altro è viverla dal vivo, ma tant’è…. Gli amaranto, che guidano la classifica con un favoloso ruolino di 36 punti frutto di 11 vittorie, 3 pareggi e 0 sconfitte, si presenteranno sul campo della seconda della classe (il Pisa è a quota 28, ma, rispetto ai ‘cugini’ labronici figura con un incontro in più) con il collaudato 4-2-3-1. Mancherà il solo Bruno. Per il resto, spazio all’undici ormai consueto, con Mariorino trequartista insieme a Doumbia e Valiani, alle spalle della punta centrale Vantaggiato. FABIO GIORGI