Alluvione ora la conta dei danni Quaranta i livornesi ospitati negli alberghi della città


Alluvione ora la conta dei danni Quaranta i livornesi ospitati negli alberghi della città
Alluvione, conta dei danni in vista dello stato di emergenza, che arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri giovedì prossimo. Quaranta i livornesi ospitati negli alberghi della città. Ripristinato quasi per intero il servizio elettrico.
La richiesta dello stato di emergenza per l’alluvione che ha colpito il territorio di Livorno potrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri già giovedì prossimo. Lo ha detto il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli presente all’ultima riunione delle ore 20 dell’unità di crisi che si è svolta al centro operativo della Protezione Civile di via Maria Terreni. Il capo del Dipartimento della Protezione Civile ha espresso soddisfazione per l’efficienza con cui si è mossa la macchina dei soccorsi per fronteggiare l’emergenza alluvione. Sono stati effettuati intanto i sopralluoghi da parte del Dipartimento centrale della Protezione Civile ai fini di elaborare la relazione necessaria alla richiesta di stato di emergenza del territorio. Nella giornata di lunedì i tecnici del Dipartimento hanno visitato le zone colpite dal disastro di Quercianella, Montenero alto e Rio Ardenza, evidenziando le infrastrutture danneggiate e facendo una prima stima degli interventi necessari di ripristino. Nella giornata di martedì è toccato alle frazioni di Stagno e di Guasticce, nel comune di Collesalvetti. Ad oggi sono circa quaranta i livornesi che hanno trovato alloggio nelle molte strutture alberghiere che si sono rese disponibili a ospitarli. Il servizio elettrico è stati ripristinato. Tutti gli impianti che si trovavano nelle zone allagate sono di nuovo attivi (a parte la cabina elettrica Lido di Chioma, situata in un’area non raggiungibile a causa del crollo di un ponte). Il lavoro della task force di e-distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica, proseguirà anche nei prossimi giorni per verificare eventuali ulteriori situazioni nei condomini o nelle abitazioni alluvionate, in collaborazione con Prefettura, Comune di Livorno, Protezione Civile e Vigili del Fuoco. Ogni richiesta di intervento e supporto è attivo il numero 0586 82400. FABIO GIORGI