ArcelorMittal avvia la cassa integrazione per 3.500 lavoratori a Taranto

ArcelorMittal avvia la cassa integrazione per 3.500 lavoratori a Taranto

Bozza automatica 5ArcelorMittal avvia la cassa integrazione straordinaria per 3.500 lavoratori dell’ex-Ilva di Taranto. “ArcelorMittal – afferma il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella – ha comunicato alle organizzazioni sindacali nazionali e alle Rsu del sito di Taranto la decisione di avviare la procedura di richiesta di cassa integrazione straordinaria per il sito pugliese per 3.500 lavoratori, dopo il rigetto dell’istanza del giudice sulla continuità produttiva dell’altoforno 2”. “La decisione di ArcelorMittal – sottolinea il sindacalista – è di una gravità inaudita poichè, anzichè verificare tutte le alternative possibili per non ricorrere a uno strumento così invasivo, utilizza il provvedimento del giudice per ottenere i risultati che si era prefissata: usare i lavoratori come scudi umani”. “La multinazionale non aspettava altro che lo stop all’altoforno 2 per accelerare il suo progetto di morte per lo stabilimento di Taranto e degli altri siti italiani del gruppo. Un atteggiamento da sciacalli sulla pelle di migliaia di lavoratori e di famiglie”.
Livorno, articolo pubblicato il 11 Dicembre 2019
Pagine viste ad ieri ultimi 7 giorni n.ro 40.204 ultimi 30 giorni n.ro 174.615

RIPRODUZIONE RISERVATA il Gazzettino di Livorno
leggi e diffondi #ilgazzettinodilivorno.com il Gazzettino di Livorno punto com
Quotidiano indipendente




Contatore utenti connessi